Abarth protagonista del nuovo Campionato Italiano Formula 4

Abarth è un nome che vanta una tradizione luminosa nel mondo delle corse. Il suo impegno nella stagione agonistica 2014 sarà ben ramificato.

abarth

In occasione della presentazione a Modena dei Campionati Aci-Csai, in presenza di Angelo Sticchi Damiani, presidente dell’Automobile Club d’Italia, sono stati illustrati gli impegni Abarth in gara.

Nella stagione alle porte, il marchio dello Scorpione rinnova una tradizione nobile, fatta di corse accessibili, per offrire un trampolino di lancio ai giovani talenti che non vantano budget da nababbi.

Spicca la partecipazione al nuovo Campionato Italiano Formula 4, che segna il ritorno del brand nel mondo delle ruote scoperte, con la fornitura ufficiale dei motori destinati ad alimentare le monoposto della nuova categoria propedeutica, fortemente voluta dalla FIA e portata al debutto in Italia, dove la professionalità degli organizzatori dovrebbe consentirne la crescita.

Le unità propulsive firmate Abarth forniranno la spinta ai nuovi bolidi con telaio Tatuus, che puntano a rendere meno gravoso l’impegno economico per gli attori della serie. Dallo Scorpione arriveranno i cuori da 1,4 litri turbo T-Jet, con una potenza di 160 cavalli, ideale per rendere performante il bolide su cui si andranno a innestare, rispettando le specifiche FIA relative alla guida dei piloti ‘over 15’.

Nel 1.4 T-Jet, il motore Fire si unisce a un turbocompressore a inerzia ridotta, che consente di ottenere ottime prestazioni già a basso numero di giri. Ovviamente, per le monoposto il propulsore è stato “tarato” in ottica prestazionale e fa registrare valori di tutto rispetto: 160CV a 5 500 giri/minuto di potenza massima e una coppia massima di 240Nm a 3500 giri/minuto.

  • shares
  • Mail