F1 2014: Lauda ipotizza un leggero vantaggio iniziale della Mercedes

Niki Lauda si concede dei pareri sulla geografia dei valori emersi sulla pista di Jerez de la Frontera nella prima tornata di test in vista della stagione agonistica alle porte.

Monaco F1 Grand Prix - Race

Il Campionato del Mondo di Formula 1 2014 si prepara allo start, con il primo appuntamento sempre più vicino all’orizzonte. Si profila una stagione dominata dalle grandi novità imposte dal regolamento, prima fra tutte l’introduzione dei motori V6 sovralimentati da 1.6 litri.

Difficile fare previsioni quando arrivano simili rivoluzioni, capaci di stravolgere gli equilibri precedenti. Al momento le uniche valutazioni possono essere fatte sulla base dei primi test di Jerez de la Frontera, che hanno unito le diverse squadre nella stessa cornice ambientale.

Impossibile sbilanciarsi, per la natura intrinseca di queste prove, ma Niki Lauda cerca di dare una lettura a quello che si è visto ed ipotizza un vantaggio iniziale della Mercedes, anche se ammette che le cose potrebbero cambiare in fretta.

La scuderia della “stella” ha percorso il maggior chilometraggio, dando prova di grande affidabilità dei suoi propulsori. L’ex campione austriaco, oggi presidente della squadra tedesca, crede nell’importanza di queste indicazioni, più importanti, al momento, rispetto alla performance pura.

Ecco le sue parole sul giornale Osterreich: “I test iberici erano soprattutto dei collaudi per i motori. In quest’ottica ci regalano gioia i risultati raccolti. Abbiamo coperto una distanza pari a tre Gran Premi e mezzo. Sono molto soddisfatto”.

Restano, tuttavia, delle incognite: “Al momento le indicazioni ci mettono in leggero vantaggio sugli altri, ma lo scenario potrebbe cambiare molto rapidamente. I nuovi motori ibridi sono molto sensibili e complessi. La sfida è tecnicamente enorme, anche se i piccoli problemi emersi sono stati risolti in fretta da noi”. Qual è il vostro parere?

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail