Ferrari F14 T, simulatore per Kimi Raikkonen

Anche ieri Kimi Raikkonen è stato a Maranello, dove ha trascorso parecchio tempo al simulatore, per prepararsi al meglio alla prossima stagione agonistica, ormai sempre più vicina all’orizzonte.

Il primo appuntamento del Campionato del Mondo di Formula 1 si avvicina a passo spedito e gli uomini del Circus si preparano ad affrontare la stagione 2014, che porta in dote un forte carico di novità.

La più importante riguarda i cuori delle monoposto, con l’arrivo dei nuovi motori V6 sovralimentati di 1.6 litri, che hanno imposto una drastica revisione progettuale. Poi ci sono le modifiche aerodinamiche fissate dalla Federazione Internazionale dell’Automobile.

Tutti i team sono al lavoro per entrare presto nel clima giusto, specie fra quelli che puntano alla gloria iridata. La Ferrari è tra questi. Nella prima tornata di prove sulla pista di Jerez de la Frontera, la “rossa” si è comportata bene. Ora si guarda al futuro. In quest’ottica va letto anche l’impegno di Kimi Raikkonen, sempre più presente a Maranello, per affinare il quadro nei tempi più stretti e con i risultati migliori.

Ieri il pilota finlandese è stato per il secondo giorno consecutivo nella sede della scuderia, in gran parte coinvolto nel lavoro al simulatore, alla guida del quale ha ricreato le condizioni che lui e la F14 T ritroveranno in Bahrain dove la settimana prossima, dal 19 al 22, si svolgerà la seconda sessione di test della stagione 2014.

In una pausa Kimi è voluto però tornare a riscoprire l’azienda chiedendo di potersi recare in alcuni reparti che non vedeva da anni, a cominciare dalle linee di produzione delle vetture 8 e 12 cilindri per proseguire col montaggio motori e il Centro Stile.

Sempre interessato agli aspetti tecnici delle automobili, Kimi ha chiesto informazioni sui processi di lavorazione e sulle idee stilistiche per le Ferrari del futuro. Il finlandese, campione del mondo 2007 con la Ferrari, si è fatto fotografare con i dipendenti che si sono stretti intorno a lui: oltre alla classica richiesta di autografi, ovvia quella ricevuta di fare il bis dell’impresa del 2007!

L’auspicio degli uomini del “cavallino rampante”, come dei tifosi delle “rosse”, è che il trionfo iridato della Ferrari possa ripetersi, ponendo fine a un’astinenza che dura ormai da troppo tempo. Gli indizi sono positivi, ma è troppo presto per fare proiezioni. Saranno le prime gare a darci un quadro più chiaro della situazione.

  • shares
  • Mail