Gp Bahrain F1 2014: è tornato lo spettacolo, ma la Ferrari dov'è?

Tanti duelli in famiglia hanno esaltato il pubblico, tranne quello delle rosse: o Maranello cambia rotta, altrimenti sarà un anno da buttare

Come aumentare lo spettacolo in Formula 1? Forse c’è una risposta semplice, correre spesso in Bahrain. Lo scorso anno fu probabilmente la gara più bella della stagione e anche in questo 2014 non ha tradito, con tanti duelli, soprattutto tra compagni di squadra, dopo due gare assolutamente noiose e con un numero di sorpassi decisamente limitato. La sfida ruota contro ruota tra Hamilton e Rosberg avrà fatto temere gli uomini Mercedes, ma ha esaltato il pubblico e tutti gli appassionati, ricordando quelli mitici di un po’ di anni fa Senna-Prost o Mansell-Piquet.

COSI' ABBIAMO VISSUTO IL GP DEL BAHRAIN LIVE

Ovviamente la loro lotta è stata quella più esaltante, visto che c’era in ballo il successo, ma anche altre ‘coppie’ si sono sfidate: da Ricciardo-Vettel a Massa-Bottas, fino a Perez-Hulkenberg. Insomma, proprio nella settimana in cui c’erano stati vari incontri per cercare di ridare entusiasmo alla nuova Formula 1, è arrivata la gara più emozionante. Ora si attendono conferme, già tra due settimane in Cina, perché quello accaduto ieri a Sakhir sia una norma e non l’eccezione, favorita da un circuito adatto ai sorpassi.

CLICCA QUI PER TUTTE LE FOTO DELLA GARA

L’assente ingiustificata è stata la Ferrari. Alonso e Raikkonen sono sempre stati nelle retrovie: non solo lontanissimi dalle Mercedes, ma sotto il livello di Red Bull, Force India e Williams. Il distacco in campionato è già molto elevato (nei costruttori è addirittura di 78 punti!) ed il rischio di vivere un’altra stagione senza lottare per il titolo inizia ad essere davvero sensibile. E quel Montezemolo che lascia il circuito a gara in corsa non è certo un bel segnale. A Maranello è scattato l’allarme rosso: o si cambia in fretta, altrimenti sarà un 2014 da buttare.

F1 Grand Prix of Bahrain - Race

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail