GP Cina F1 2014: Ferrari punta a diventare la seconda forza

La Ferrari è pronta ad affrontare la sfida di Shanghai, sapendo che molto lavoro si profila all’orizzonte per recuperare terreno nei confronti della Mercedes, autentica dominatrice di questo primo scorcio di stagione.

AUTO-PRIX-BHR-F1

Motori pronti a rombare per il Gran Premio di Cina di Formula 1, quarto atto del calendario agonistico 2014. In casa Ferrari si guarda con impazienza alla sfida di Shanghai, per valutare il lavoro svolto ed acquisire nuovi elementi utili a migliorare il profilo prestazionale della F14T, che si è dimostrata deludente nei primi tre appuntamenti dell’anno.

Nel paese del Sol Levante si vedrà per la prima al muretto Marco Mattiacci, che ha sostituito Stefano Domenicali nel ruolo di team principal della scuderia del “cavallino rampante”. Il suo apporto non sarà decisivo sulle sorti della gara, ma questo non esclude che ci si aspetti molto da lui.

Resta il fatto che i problemi della “rossa” derivano soprattutto dai limiti di un progetto il cui potenziale non è stato tirato fuori in modo adeguato. Anche se la più recente monoposto di Maranello ha tante lacune, in gran parte queste possono essere superate con uno sviluppo di adeguato spessore.

In tal senso vanno letti gli sforzi del gruppo, che non vuole alzare bandiera bianca, consegnando al futuro le ambizioni iridate. La Ferrari ha il potenziale per mettersi in luce, anche se la Mercedes è molto più avanti. I dati raccolti sono stati sfruttati per un intenso programma di simulazioni, ma la prova della pista sarà quella più valida ai fini del giudizio.

GP CINA F1 2014: GLI ORARI DELLA TAPPA DI SHANGHAI

Tra gli uomini del “cavallino rampante” c’è voglia di mettere alle spalle la triste esperienza di Sakhir. Una certa dose di speranza giunge dal fatto che il circuito del Bahrain era ostile, per le sue alchimie, al ritmo della F14T, esaltandone i punti deboli e nascondendone le doti, ma le “frecce d’argento” sono andate bene in tutti i contesti e questo dovrebbe far riflettere.

Ecco le parole del direttore tecnico Pat Fry, sul sito ufficiale della casa emiliana: “Stiamo lavorando nel modo più intenso possibile per cercare di recuperare il distacco dai top team, anche se la Mercedes ha un vantaggio concreto rispetto a tutti gli avversari. Al momento la nostra priorità è cercare di diventare la seconda miglior squadra del Mondiale. Stiamo lavorando in ogni area della vettura e tentiamo di fare il recupero più grande possibile ad ogni gara”.

Non è fantascienza ipotizzare qualche progresso delle “rosse” a Shanghai, ma la strada è in salita, specie nell’ottica delle ambizioni iridate, che nessuno vuole abbandonare in questa fase del campionato. Vedremo.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail