Civm, vittoria con record di Faggioli alla Rieti-Terminillo

rieti terminillo

Simone Faggioli ha vinto la 46ª Rieti Terminillo "Coppa Bruno Carotti" al volante della Osella FA 30 con motore Zytek. Il campione fiorentino ha siglato il nuovo record del percorso, fermando il cronometro sullo strepitoso tempo di 5'23"812, che abbatte di 9 secondi il precedente primato. Una vera ovazione ha abbracciato il suo arrivo sul piazzale di Campoforogna, sede del traguardo.

Secondo tempo per David Baldi, su Osella FA 30 Zytek, che ha riconosciuto la superiorità del vincitore. Terzo gradino del podio per il livignasco Fausto Bormolini, abituale frequentatore dell'europeo con la Reynard di F.3000, anche lui impressionato dalla prestazione del toscano, grande eroe della giornata.

rieti terminillo
rieti terminillo
rieti terminillo
rieti terminillo

rieti terminillo
rieti terminillo
rieti terminillo
rieti terminillo
rieti terminillo
rieti terminillo

A ridosso del podio il combattivo Carmelo Scaramozzino, che conserva la leadership tricolore. La sua prova è stata segnata da una foratura dopo la chicane a una ruota della Lola Zytek, che non gli ha impedito di vedere la bandiera a scacchi. Quinta piazza per il sardo Omar Magliona, che ha portato al traguardo l'Osella PA 27/S BMW, nonostante un piede ancora dolorante dopo l'inconveniente ad Ascoli. In sesta posizione la Reynard con motore Zytek dell'ungherese Laszlo Szasz.

Successo numero quattro fra le GT per Denny Zardo, veloce e preciso con la Ferrari F430. Il pilota della Villorba Corse ha così agguantato la vetta della classifica, dopo un bel duello con Leo Isolani, sempre spettacolare sul Terminillo con la Ferrari 575. Per entrambi prestazione superlativa e comando a pari punti del gruppo. A completare il podio il campione in carica Marco Gramenzi, sempre abile alla guida della Chrysler Viper, penalizzata dalle limitazioni regolamentari.

In gruppo E1 nuova vittoria per Roberto Di Giuseppe, che conferma così l'ottima forma sua e dell'Alfa 155 GTA, curata dal concittadino De Berardinis. Secondo sul podio il romano Marco Iacoangeli, con la BMW 320 di classe 3000, che ha sopravanzato il leader di gruppo Fabrizio Pandolfi, vittima di noie all'alimentazione della sua Alfa 155 V6 negli ultimi chilometri di gara. Quarto tempo per Fulvio Giuliani, su Lancia Delta EVO.

Classifica dei primi 10:

01. Simone Faggioli Osella FA 30 Zytek) in 5’23”812
02. Baldi (Osella FA 30 Zytek) a 15”083
03. Bormolini (Reynard Mugen) a 31”702
04. Scaramozzino (Lola Zytek 02) a 32”791
05. Magliona (OsellaPA 27/S BMW) a 34”342
06. Sasz (Reynard Zytek) a 41”681
07. Zerla (Osella PA21/S Honda) a 42”576
08. Cinelli (Lola Zytek) a 44”203
09. Bindi (Gloria CP7) a 45”695
10. Marozzi (Osella PA 21/S Honda) a 46”529.

Via | Aci Sport Italia

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: