F1: Alonso carica la Ferrari "Non basterà lo sviluppo normale della F14 T"

L'iberico chiede la svolta per la gara in Spagna del prossimo 11 maggio: "Gli altri non staranno a guardare..."

F1 Grand Prix of China

La Formula 1 è pronta a sbarcare in Europa, con il Gp di Spagna del prossimo 11 maggio. Una gara attesissima, come ogni anno quando i team arrivano nel Vecchio Continente, dopo le prime gare tra Asia ed Oceania. Proprio in questo appuntamento, molto spesso sono arrivati degli aggiornamenti importanti per le varie scuderie, che sperano di dare la svolta alla loro stagione. Questo 2014 vede tutti all’inseguimento della super Mercedes, vincitrice di tutte le prime quattro prove, con un netto vantaggio sulle rivali.

IL RICORDO FERRARI DI AYRTON SENNA

Tra di esse c’è anche la Ferrari: il podio in Cina di Fernando Alonso è stata una piccola boccata d’ossigeno, dopo un avvio disastroso di campionato, però servirà molto di più per poter competere per la vittoria. Lo spagnolo sprona la scuderia di Maranello a lavorare duramente per recuperare lo svantaggio: “Abbiamo un grosso margine di miglioramento – ha spiegato l’iberico al magazine britannico Autosport – Ma non possiamo sognare troppo, visto che le altre scuderie non staranno a guardare la tv fino a Barcellona”.

Il punto è proprio questo: servirà una crescita rapida e superiore agli altri team, altrimenti lottare con Hamilton e Rosberg resterà un miraggio. “E’ la sfida che dobbiamo affrontare – conclude AlonsoNon possiamo sviluppare la monoposto ad un ritmo normale, non basterebbe. Dobbiamo aggiungere qualcosa in più”. Cioè recuperare almeno mezzo secondo, rispetto all’ultima gara, dove comunque la rossa era stata almeno la seconda forza, alle spalle delle due irraggiungibili (almeno al momento) frecce d’argento.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail