Jean Todt si candida alla presidenza Fia

todt

Il giornale inglese "The Guardian" pubblica un'intervista a Jean Todt, dove l'ex team principal della Ferrari conferma la sua candidatura alla presidenza della Federazione Internazionale dell'Automobilismo. Negli ultimi tempi il suo nome era circolato con grande insistenza, quindi non è certo una novità, ma erano stati altri a proporlo per l'impegnativo ruolo.

Il più grande sostenitore della sua discesa in campo è stato Max Mosley, che più volte lo ha segnalato come suo erede ideale nella cabina di regia dell'automobilismo sportivo. Il fatto nuovo è l'ammissione di interesse da parte del manager francese, che fino ad oggi non si era sbilanciato. Dice Todt: "In seguito alla decisione di Mosley di non presentarsi per un nuovo mandato e in considerazione del suo inequivocabile appoggio alla mia candidatura, ho scritto ai membri della Fia per informarli che mi presenterò alle elezioni per la presidenza della federazione".

"E' mia intenzione - prosegue il Napoleone dell'automobilismo- continuare e ampliare l'eccellente lavoro fatto da Mosley, che per 16 anni si è prodigato instancabilmente per rafforzare i principali campionati mondiali della Fia". Nessun rischio per la sua indipendenza, limpida e cristallina, come già evidenziato da Mosley. Todt vanta esperienze in diversi ambiti sportivi legati alle quattro ruote ed ha il profilo professionale giusto per affrontare il nuovo ruolo. Ma anche l'ex campione finlandese dei rally Ari Vatanen vanta un curriculum di alto livello. In assenza di altre candidature forti, sono loro i più credibili rivali per la poltrona di comando della Fia. Almeno per il momento.

Via | Eurosport.com

  • shares
  • Mail
15 commenti Aggiorna
Ordina: