Formula 1: Bmw si ritira a fine stagione

bmw sauber

Quella che fino a poche ore fa era solo un'ipotesi, assume adesso i contorni di una triste realtà: Bmw ha annunciato il ritiro dalla F1 al termine della stagione 2009. La conferma è giunta nella conferenza stampa indetta dalla casa tedesca presso la sede di Monaco di Baviera.

Il presidente Norbert Reithofer ha parlato di decisione sofferta, che si inserisce nel quadro di un rinnovamento delle strategie aziendali: "Ovviamente è stata una scelta difficile per noi, ma è un passo forte che il nostro marchio compie nell'ambito di un riallineamento globale".

Altre le priorità dell'elica blu, illustrate dallo stesso Reithofer: "Vogliamo rimanere in testa come marchio per quanto riguarda la sostenibilità e la compatibilità ambientale. Stiamo continuamente analizzando le nostre iniziative in questi termini e la F1, in un simile sfondo, diventa un veicolo molto meno importante. Mario Theissen è stato al timone del progetto motorsport sin dal 1999. Abbiamo ottenuto tanti successi in questo periodo, anche in F1. Voglio ringraziare sia lui che il suo staff per questo".

Al destinatario del messaggio di gratitudine non resta che accettare la scelta, ma con un certo rammarico. Dice Theissen: "E' chiaro come io e tutti gli uomini impiegati a Hinwil e Monaco avremmo preferito continuare l'ambizioso progetto del Circus, per mostrare che questa stagione sfortunata è stato solo un episodio. Capisco tuttavia la decisione, presa analizzando le prospettive del marchio da un punto di vista globale. Ora cercheremo di dare il massimo per congedarci nel migliore di modi dalla F1".

Prese per buone le motivazioni del presidente, resta il sospetto che un ruolo fondamentale nella nuova strategia sia stato giocato dal mancato ottenimento degli obiettivi fissati dal management, che sperava di lottare per il titolo 2009. La realtà, invece, è ben diversa, con un livello di performance lontano dalle previsioni. Klaus Draeger, componente del direttivo Bmw, ammette velatamente la cosa: "Ci sono voluti solo tre anni per diventare un top team, ma quest'anno non siamo riusciti a confermarci su ottimi livelli. Tuttavia gli ultimi due lustri ci hanno fatto crescere molto, facendoci sviluppare tecnologie innovative con lo stesso spirito che ci guida nella costruzione delle auto di serie".

Via | F1grandprix.it

  • shares
  • Mail
167 commenti Aggiorna
Ordina: