GP del Belgio, le qualifiche viste dalla Ferrari

ferrari spa

Una qualifica non esaltante per la Scuderia Ferrari Marlboro, che ha piazzato un pilota, Kimi Raikkonen, in terza fila e uno, Luca Badoer, in ultima. Riferendosi all'esito della giornata di ieri, Stefano Domenicali dice: "E' venuta fuori una griglia di partenza a dir poco inaspettata. Come abbiamo già visto diverse volte quest’anno, da una gara all’altra i rapporti di forze in campo possono mutare bruscamente".

"Da parte nostra -aggiunge il team principal del cavallino- avremmo voluto essere un po' più avanti con Kimi, ma siamo comunque in una posizione tale da permetterci di lottare per un posto sul podio, considerato anche il livello della prestazione della F60 sulla distanza. Per quanto riguarda Luca, abbiamo potuto notare ancora una volta un miglioramento nella sua prestazione: purtroppo, non è stato sufficiente ad evitargli nuovamente l’ultimo posto sulla griglia di partenza".

Il pilota veneto è deluso di come sono andate le cose: "Non sono contento, perché al termine delle prove libere speravo di avere una chance di passare in Q2. Invece, vuoi per il traffico vuoi per qualche piccolo problema, non sono riuscito a mettere insieme il giro perfetto. Contavo di riuscirci nell’ultimo tentativo, ma c’è stato l’episodio con Vettel che ha poi determinato l’uscita di pista che ha posto fine alla mia qualifica. Ho fatto un altro passo avanti in termini di prestazione, ma non è ancora abbastanza: per me la cosa più difficile è prendere il ritmo e capire il limite della macchina. Purtroppo, non c’è la possibilità di fare quei test che mi servirebbero come il pane. Domani sono sicuro che la mia prestazione sarà migliore di quella della gara di Valencia. Cercherò di fare del mio meglio".

Anche Raikkonen non brilla di gioia: "Avrei naturalmente preferito partire più avanti, ma credo che abbiamo fatto del nostro meglio. Sapevamo che sarebbe stata dura essere davanti, siamo comunque in buona posizione, anche perché i distacchi fra i primi sono piuttosto contenuti. Con benzina a bordo la macchina si comporta meglio rispetto a quando è con il serbatoio scarico e lo abbiamo visto ancora una volta in questa qualifica. Una griglia così insolita rende il pronostico per la gara ancora più incerto. Dovremo cercare di sfruttare qualsiasi possibilità dovesse presentarsi. Per il risultato finale saranno molto importanti le prime due curve dopo la partenza. Il diverso rendimento della macchina nei vari settori del tracciato si spiega con il deficit di carico aerodinamico che abbiamo questa stagione".

Chris Dyer si aspettava di più: "Siamo un po’ delusi, perché dopo la prestazione di venerdì avevamo previsto un risultato migliore. Il sesto posto di Kimi deve essere valutato anche alla luce dei diversi carichi di benzina imbarcati dalle vetture classificate nei primi dieci posti. Crediamo di avere scelto una buona strategia. Visto il rendimento della vettura sulla lunga distanza, pensiamo di poter lottare anche in questa gara per un posto sul podio. Per ciò che concerne Luca, tutti possono vedere che, giorno dopo giorno, il livello della sua prestazione migliora: purtroppo, non è ancora sufficiente per farlo lottare almeno per passare in Q2".

Via | Ferrari Press

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: