Gp Ungheria F1 2014: Ferrari-Alonso, in vacanza con un sorriso

Lo spagnolo può essere finalmente felice: "Il secondo posto ha il sapore di una vittoria"

F1 Grand Prix of Hungary

Un sorriso, finalmente. La Ferrari affronta la classica sosta estiva con un morale sollevato, dopo una prima parte di stagione fatto di grandissime difficoltà. Il secondo posto di Fernando Alonso in Ungheria (ed anche il sesto di Raikkonen) è la medicina migliore per un ambiente piuttosto depresso da un’annata da incubo, come nemmeno il più pessimista poteva immaginare. “Questo podio significa tanto per me e per la squadra – ha commentato l’asturiano – ed il secondo posto ha il sapore di una vittoria”.

Guarda anche: le foto più belle del Gp d'Ungheria 2014

Quella che ha sognato lo spagnolo per 12 giri, quando era al comando e riusciva a mantenere un vantaggio discreto su Hamilton. Poi il degrado delle gomme ha reso impossibile resistere a Ricciardo, ma il capolavoro resta: “Completare 31 giri con le gomme soft è stata una grande sfida, ma questo dimostra che tutto è possibile, in condizioni particolari come quelle dell’Hungaroring”. Per la gioia sua e di tutti i ferraristi, che attendevano uno squillo da quasi un anno, considerate anche le grandi difficoltà della seconda parte della stagione 2013.

Passato il giusto entusiasmo per una gara d’altri tempi, non può bastare una bella prova ad una scuderia come la Ferrari e ricreare queste situazioni particolari, tra circuito viscido e safety car in pista, non sarà consuetudine. Le Mercedes sono ancora lontanissime ed anche la Red Bull è stata troppo spesso più veloce delle rosse, sapendo sfruttare i rari momenti di difficoltà della scuderia tedesca. Dunque, nessuna illusione per una F14 T competitiva in condizioni normali, ma almeno un sorriso, seppur timido, per guardare al futuro con maggiore speranza.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail