Euroseries 3000: Lola B05/52 al top delle prestazioni

euroseries 3000

L’Euroseries 3000 by PartyPoker Racing è tra le categorie propedeutiche per monoposto più veloci al mondo. È questo, senza ombra di dubbio, il risultato dell’analisi delle prestazioni della vettura dopo che sono andati in archivio i primi quattro appuntamenti del campionato.

Già nel primo round della serie, a Portimão, la nuova Lola B05/52 ha stupito tutti. Forte di meccanica e aerodinamica riviste e di un motore da 550 cavalli, ha permesso a Marco Bonanomi di staccare la pole in 1’31”823, un tempo di quasi due secondi inferiore a quello fatto registrare sulla stessa pista dalla World Series by Renault.

Sul tracciato portoghese, infatti, le vetture del campionato della casa francese si sono fermate a 1’33”462, fatto registrare tra l’altro da Jaime Alguersuari. Anche a Zolder la nuova monoposto si è confermata velocissima. Confrontando i tempi della Lola B05/52 con quelli della Panoz Superleague, la vettura della Euroseries 3000 si è mostrata all’altezza facendo segnare tempi praticamente identici: 1’19”123 contro 1’19”200 in qualifica, 1’19”491 contro 1’19”625 in gara.

Nonostante la vettura della Superleague disponga di un motore V12 da ben 750 Cv, la maggiore efficienza meccanica e aerodinamica della Lola B05/52 le ha permesso di raggiungere le stesse prestazioni. A Valencia, lo scorso weekend, la Euroseries 3000 by PartyPoker Racing ha avuto modo di confrontarsi con le prestazioni della Formula 2, che ha gareggiato sulla pista spagnola il 29 maggio.

Nonostante si sia corso in condizioni decisamente più calde e Valencia non sia il tracciato ideale per scatenare i 550 Cv del motore Zytek, la Lola B05/52 è stata più rapida di quasi 5” (1’23”000 contro 1’27”488) in qualifica e di 3”5 in gara (1’24”868 contro 1’28”322). A Valencia la nuova monoposto ha battuto di oltre 2” anche il miglior tempo fatto registrare lo scorso anno dalla B02/50, dimostrando ancora una volta quanto sia stata azzeccata la scelta di rinnovare il parco vetture fatta da Enzo Coloni.

Via | Press Office

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: