F1, Ferrari fornisce la power unit ad Haas F1 Team

Un nuovo matrimonio si celebra nel Circus, sotto le note del “cavallino rampante”. A giovarsi dei motori di Maranello sarà il team Haas.

Cheez-It 355 At The Glen

La Scuderia Ferrari ha raggiunto un accordo di collaborazione tecnica con Haas F1 Team per la fornitura dei propri motori di Formula 1. L’accordo pluriennale comprende l'erogazione dell’intero sistema propulsivo a partire dal 2016. Nel comunicato ufficiale della squadra del “cavallino rampante” ecco le parole del team principal Marco Mattiacci:

Siamo lieti di annunciare l’accordo di grande importanza strategica raggiunto con Haas F1 Team, cui diamo il benvenuto come nuovo concorrente nel Circus. L’obiettivo rimane sempre quello di rinforzare il programma di sviluppo power unit per tutti i nostri team clienti, ma riteniamo questa nuova partnership capace di andare oltre la tradizionale erogazione di hardware e relativi servizi tecnici. Il mercato americano è tra i più importanti per la Ferrari e continua ad offrici molte opportunità interessanti. Daremo a Haas F1 Team tutto il nostro supporto affinché possa diventare un concorrente competitivo.

Il Campionato del Mondo, quindi, potrà giovarsi in futuro della presenza in pista di una nuova compagine. La squadra farà capo a Gene Haas, personaggio molto noto in ambito Nascar.

Era stato lui stesso a presentare la domanda di iscrizione alla prossima stagione sportiva del Circus. Nelle scorse settimane è giunta la benedizione della FIA, dopo un’attenta valutazione finanziaria del soggetto richiedente, per avere sufficienti garanzie in merito alla sostenibilità dello sbarco nel mondo dorato dei Gran Premi.

LE ANTICIPAZIONI DELL'INTESA

Con l’ottenimento della licenza, comincia il duro lavoro verso l'attività in pista del team americano, per la gioia dei tifosi d’oltreoceano. Altri dettagli sono attesi a breve.

Si parla di un’intesa con Dallara per il telaio. Difficile dire quanto corrisponda alla realtà, ma se vi fosse, si tratterebbe un’altra partnership importante. Al momento il condizionale è d’obbligo. Vedremo.

  • shares
  • Mail