I biglietti per assistere a gare di Formula 1 sono troppo cari?

Toto Wolff guida il partito di chi ritiene che i biglietti per assistere alle gare siano troppo costosi. Ron Dennis lo incoraggia. "Perché in Austria è tutto pieno ed in Germania no?".

2014_toto_wolff

Abbassare i prezzi e coinvolgere un maggior numero di spettatori oppure mantenerli alti e pagare con maggior facilità gli oneri imposti da Bernie Ecclestone? La risposta a questa domanda potrebbe aiutare a stravolgere la Formula 1 dei prossimi anni, nel tentativo di svecchiarla e di aumentare il fascino che esercita sugli appassionati. Per questa ragione i team principal delle varie scuderie hanno fornito la propria disponibilità e stanno valutando quali idee e soluzioni possano rivelarsi utili, da accorgimenti di natura tecnica ed una maggiore flessibilità a proposito dei social network.

Per Toto Wolff è fondamentale anche prestare attenzione al costo dei biglietti. “Abbiamo avuto il coraggio di parlare in merito al prezzo dei biglietti e del peso specifico dei circuiti storici, come Hockenheim, Monza o Spa – ha spiegato il mangaer austriaco, numero uno di Mercedes –. Gare come queste devono per forza rientrare nel calendario. La Formula 1 è uno sport globale”. Wolff fornisce poi una sua idea per aumentare la popolarità dello sport. “Dobbiamo andare all’estero e conquistare nuovi territori e nuovi paesi. Ci siamo sempre comportati in questa maniera, ma ritengo che sia piuttosto evidente capire ciò che dev’essere fatto per riempire le tribune ad Hockenheim o a Monza”.

La riflessione del dirigente Mercedes ha preceduto di qualche ora il consiglio fornito da Ron Dennis, amministratore delegato del gruppo McLaren, per il quale i vertici della Formula 1 dovrebbero svolgere ricerche di mercato per capire il motivo secondo cui alcuni circuiti non attraggono abbastanza spettatori. “Com’è possibile andare a Silverstone ed in Austria e trovare tutti i seggiolini pieni, mentre in Germania ed è pieno solo per metà? Dev’esserci una ragione. Dipende dal prezzo dei biglietti? Dagli eroi nazionali? Qualunque cosa sia dobbiamo scoprire il motivo”.

  • shares
  • Mail