Gp Giappone F1 2014: Hamilton contro il tabù Suzuka

L'inglese suona la carica per il prossimo weekend: "E' uno dei miei tracciati preferiti, voglio vincere"

F1 Grand Prix of Singapore - Qualifying

Lo scorso weekend è stato perfetto per Lewis Hamilton: l’inglese ha vinto, il suo compagno e rivale Nico Rosberg si è ritirato ed ha conquistato la vetta del Mondiale 2014 per la prima volta in stagione. Ora, però, il pilota della Mercedes si appresta ad affrontare una gara a lui sempre poco amica, quella di Suzuka: sulla pista giapponese non è mai riuscito ad arrivare sul gradino più alto del podio ed ha ottenuto al massimo un terzo posto nel 2009, poi tante delusioni e nessun’altra volta tra i migliori di questa gara.

A dir la verità, Hamilton ha ottenuto un successo nel Gp del Giappone, nel 2007, ma la gara non si era disputata sul tracciato di Suzuka, ma su quello di Fuji (dove il Gp fece tappa anche l’anno dopo, per la seconda e ultima volta). Non è la stessa cosa, perché Suzuka è considerato (giustamente) uno dei circuiti storici del mondo del motorsport e l’inglese quest’anno vuole rompere questo tabù: “E’ uno dei miei tracciati preferiti, amo questo circuito ed ora voglio vincere - ha spiegato alla BBC - Questo è il mio obiettivo”.

C’è da dire che non ha sempre avuto una monoposto competitiva, anche se lui ricorda molto bene la gara del 2011, quando era al volante della McLaren: “Jenson (Button, ndr) ha vinto e vuol dire che anch’io avevo la vettura per potercela fare, ma non l’ho sfruttata. La prossima settimana non succederà di nuovo”. Vincere ora avrebbe un duplice significato: oltre alla gioia di aver trionfato in un luogo iconico della storia della Formula 1, ci sarebbe quella di allungare il proprio vantaggio in classifica mondiale sul compagno di squadra. Non un elemento secondario.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail