F1, Prost chiede delle correzioni nel mondo dei Gran Premi

Nel mondo del Circus si impongono dei cambi di rotta, per evitare che l’interesse generi numeri sempre più bassi. L’ex campione del mondo vuole monoposto meno amichevoli.

Former French Formula One driver Alain P

In questo periodo si parla tanto degli interventi che si potrebbero mettere in campo per migliorare la qualità della Formula 1, riportando l’interesse del pubblico ai livelli espressi in tempi migliori.

Qualcuno si concentra sul pilotaggio, come Alain Prost, che vorrebbe monoposto più difficili da guidare. Secondo il “Professore”, vincitore di ben quattro titoli iridati, le vetture di attuale generazione sono relativamente facili da guidare, anche se mostruose sul piano tecnologico. Anzi è proprio l’evoluzione estrema che ha portato a questi livelli di “agile” gestione.

La tesi è confortata dal fatto che le porte del mondo dei Gran Premi si stanno aprendo anche per il giovanissimo Max Verstappen, atteso in pista l’anno prossimo con la Toro Rosso, ad appena 17 anni di età.

Leggi anche: cronaca GP Singapore F1 2014

Il problema sollevato da Prost trova sponda in altri osservatori. Anche la FIA, secondo Autosport, starebbe esaminando la questione, ritenendola non secondaria. Ecco le parole dell’asso francese, riprese da Planet F1: “Ai nostri tempi non si poteva ipotizzare un debutto lampo nel Circus. Questo era assolutamente impossibile, per via delle macchine estremamente difficili da guidare. Fisicamente mettevano alla prova”.

Questo –continua Prost- non significa che si debba tornare indietro ripristinando quei parametri, ma penso che alcune correzioni si impongano anche sul fronte del sacrificio di guida”. Voi che ne pensate?

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail