Caterham parteciperà al GP di Abu Dhabi

Il team inglese ha raccolto quasi 2 milioni di sterline sulle 2.35 milioni necessarie, ma il rimanente verrà messo a disposizione dagli sponsor.

a:2:{s:5:"pages";a:2:{i:1;s:0:"";i:2;s:46:"Caterham potrebbe disputare il GP di Abu Dhabi";}s:7:"content";a:2:{i:1;s:5011:" 2014_caterham_f1

Caterham sarà presente al via del GP di Abu Dhabi, in calendario domenica prossima sul circuito di Yas Marina. Lo ha confermato Finbarr O'Connell, amministratore della società incaricata di gestire le sorti della scuderia, che si è congratulato con tutti i fan per aver reso possibile un obiettivo tanto ambizioso. “Ci siamo imposti un traguardo decisamente impegnativo, ma ne è valsa decisamente la pena. In appena 7 giorni i fan hanno reso possibile l’impossibile – il commento di O’Connell –. Non ci sono parole sufficienti per esprimere la nostra gratitudine. Ora dobbiamo concentrarci sulla gara e ripagare la fiducia”.

La scuderia in verde può iscriversi alla gara dopo aver raccolto i 2.35 milioni di sterline (3.02 milioni di euro) necessarie per ottemperare alle varie spese, ottenute al termine di una raccolta fondi. Su CrowdCube era possibile trovare accessoristica di vario tipo (cappellini, magliette e gadget vari) oppure elementi delle monoposto, come ad esempio gli spoiler, i cerchi in lega ed i manicotti del motore. In realtà sono state raccolte ‘solo’ 1,912,989 sterline, ma alcuni sponsor hanno deciso di versare un extra e di garantire in questo modo le 400.000 sterline mancanti.

Fra le persone che hanno contribuito alla raccolta fondi c’è anche un ex sergente della RAF, l'aeronautica britannica, che ha regalato alla nipote 21enne un turno di prove libere: l’uomo ha sborsato 35milla sterline e permetterà così alla giovane ragazza di partecipare alle FP1 del GP mediorientale. Lei si chiama Alice Powell, ha 21 anni e guida nelle serie minori.


Caterham: una raccolta fondi per partecipare al GP di Abu Dhabi

caterham_crowdfunding

Il team Caterham F1 disputerà il GP di Abu Dhabi a patto che vengano raccolte le 2.35 milioni di sterline (3.02 milioni di euro) necessarie per ottemperare alle varie spese. Per questo scopo gli amministratori della società Smith & Williamson hanno organizzato una raccolta fondi, lanciando allo stesso tempo l’hashtag #RefuelCaterhamF1 e mettendo in vendita accessoristica di vario tipo: acquistando cappellini, magliette e gadget si contribuirà quindi al crowdfunding, la cui scadenza è tuttavia decisamente ravvicinata.

L’ultimo GP della stagione 2014 è in programma il 23 novembre. D’ogni modo la raccolta fondi sarà dichiarata conclusa il 14 novembre, quindi gli interessati devono affrettarsi ed aprire il portafoglio. La risposta del pubblico sembra comunque favorevole: nel momento in cui scriviamo sono giù state raccolte 480.000 sterline (620.000 euro). Gli appassionati possono aggiudicarsi ad esempio la tuta indossata dai meccanici ai box, il diritto a vedere impresso il proprio nome sulla carrozzeria, il musetto (5.500 sterline) e l’ingresso nell’area hospitality, offerto però ad una cifra decisamente impegnativa: ben 45.000 sterline!

Finbarr O’Connell, amministratore ad interim ed attuale team principal, ha spiegato che è intenzione della società per cui lavora – a Smith & Williamson è stato affidato il compito di gestire il team fino all’ingresso di un nuovo socio – iscrivere il team al GP di Abu Dhabi ed anche al campionato 2015. Per questo motivo ‘vogliamo coinvolgere i fan e renderli partecipi nel progetto di rinascita’.


";i:2;s:3715:"

Caterham potrebbe disputare il GP di Abu Dhabi

2014_caterham_f1

La scuderia Caterham F1 potrebbe disputare l’ultimo GP della stagione 2014, in programma domenica 23 novembre ad Abu Dhabi. Lo ha confessato Finbarr O’Connell, uno fra gli amministratori della società (Smith & Williamson) incaricata di gestire il team inglese, secondo cui vi sarebbe una concreta possibilità legata al fatto che Marcus Ericsson e Kamui Kobayashi possano disputare l’ultima gara.

Siamo estremamente fiduciosi in merito alla nostra presenza ad Abu Dhabi. Penso di avere gli elementi necessari per ritenermi sorpreso del contrarioil commento di O'Connell –. Stiamo cercando di vendere il team ad una persona interessata” a proseguire l’avventura in Formula 1. Quest’ultima sottolineatura è particolarmente significativa, dal momento che il team di Leafield rientra nella shot list delle scuderie che hanno fornito la propria disponibilità a partecipare alla stagione 2015.

L’iscrizione in realtà è stata formulata a nome della 1Malaysian Racing Team, ma non è ancora ufficiale: per esserlo va prima effettuato il pagamento della quota necessaria, da corrispondere entro il 30 novembre. 1Malaysian Racing Team è la società posseduta da Tony Fernandes tornata ad essere proprietaria del team. L’amministratore non ha spiegato quali elementi lo rendano tanto fiducioso, ma ha confessato di aver presentato tutta la documentazione necessaria per favorire il cambio di proprietà.

Caterham e Marussia saltano il GP degli Stati Uniti

2014_caterham_f1

Le scuderie Caterham e Marussia non parteciperanno al GP degli Stati Uniti, in calendario domenica 2 novembre sul circuito di Austin (Texas). La notizia è stata resa ufficiale da Bernie Ecclestone. I due team scontano in questo modo le rispettive difficoltà di natura finanziaria: il team inglese – il cui forfait si allungherà anche al GP successivo, in Brasile – è al momento sotto la tutela di un curatore fallimentare, mentre la scuderia russa combatte fra questioni di natura economica ed il trauma successivo all’incidente di Bianchi.

La situazione più delicata dev’essere risolta da Caterham. Il team è controllato al momento dalla società Smith & Williamson, impegnata a trovare un acquirente che possa succedere agli svizzeri di Engavest. “Mr Ecclestone ha fornito l’appoggio necessario a Caterham F1 affinché le sia concesso di non partecipare eventualmente ai GP degli Stati Uniti e del Brazile - è il testo di una nota ufficiale -, nella speranza che un nuovo proprietario iscriva il team al GP di Abu Dhabi”. Smith & Williamson hanno rivelato la presenza di alcune realtà interessate.

La griglia di partenza ospiterà in questo modo 18 vetture. E’ il numero minore dal GP di Monaco 2005, quando le due BAR vennero squalificate per colpa di un’irregolarità tecnica.
";}}

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: