Finali Mondiali Ferrari 2014: ad Abu Dhabi si prepara la festa rossa

Si avvicina l’appuntamento con le Finali Mondiali Ferrari 2014, che promettono spettacolo ed emozioni, anche se la stagione agonistica in corso è stata poco felice per la casa di Maranello.

Detroit Auto Show Showcases Industry's Newest Models

Sarà lo spettacolare circuito di Yas Marina, ad Abu Dhabi, a fare da tela, dal 3 al 6 dicembre, all'edizione 2014 delle Finali Mondiali, che per la prima volta si disputeranno oltre i confini europei. Quattro giorni di emozioni e spettacolo, all'insegna dell'esclusività che solo Ferrari sa garantire, dedicati ai tifosi e a tutti gli appassionati del "cavallino rampante".

Qui gli appassionati delle “rosse” potranno vivere un’abbuffata di emozioni, nel segno del mito di Maranello, tra esibizioni di Formula 1 storiche, di auto laboratorio come la 599XX e la FXX e di altri gioielli emiliani.

Leggi anche: "Ecclestone: Alla Formula 1 non servono giovani tifosi"

Cuore centrale degli appuntamenti agonistici saranno le gare dei clienti piloti, al volante delle 458 Challenge EVO, provenienti da tutte le divisioni della serie. Una festa di gioia e colori, da vivere e ricordare, come sempre.

A fare da cornice all’evento sarà l’impianto orientale, dove si respira lo sfarzo degli Emirati Arabi Uniti. In questa tela, gli appassionati avranno modo di vedere riuniti i protagonisti di tutte le attività agonistiche ed amatoriali del "cavallino rampante". Non mancheranno i gioielli stradali e da corsa, del presente e del passato.

Sulla pista di Abu Dhabi, oltre alle 458 Challenge EVO, scenderanno in pista anche le vetture di Formula 1 clienti e quelle dei Programmi XX. Saranno ben 15 le monoposto di Maranello, a coprire un arco di tempo di 30 anni.

TK Mak sarà infatti al volante di una splendida 312 T5 del 1980, portata in gara da Gilles Villeneuve e Jody Scheckter, mentre Jingzu Sun scenderà in pista sulla F10 con la quale Fernando Alonso lottò per il titolo fino all’ultima gara della stagione 2010.

Gli spettatori sugli spalti potranno sentire il suono, unico, del V12 di Maranello grazie a Peter Greenfield, che sarà al volante della 412 T2 di Gerhard Berger. Si tratta dell’ultima vettura di Formula 1 dotata di questo storico propulsore, che venne escluso dai regolamenti a partire dalla stagione successiva, quando nella Scuderia Ferrari arrivò il grande Michael Schumacher.

Tante anche le vetture del tedesco, quelle dei primi anni Duemila al volante delle quali l'asso di Kerpen costruì la sua leggendaria carriera, con a fianco il brasiliano Rubens Barrichello. Saranno in pista anche due F2007, vettura con cui Kimi Raikkonen divenne campione del mondo, e due F2008, monoposto che portò alla Scuderia il 16° titolo Costruttori.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail