GP Abu Dhabi F1 2014: anteprima Pirelli della sfida di Yas Marina

Si avvicina l’appuntamento con il GP Abu Dhabi F1, ultimo atto della stagione agonistica 2014. Pirelli si prepara alla sfida.

2013 Abu Dhabi Grand Prix - Thursday

Tutto pronto per il GP Abu Dhabi F1 2014, che andrà in scena nel weekend del 23 novembre sulla pista di Yas Marina.

La sfida all’orizzonte giunge con il titolo mondiale costruttori già in mano alla Mercedes. Anche il titolo piloti è della scuderia della “stella”, ma bisogna ancora vedere quale dei due interpreti delle “frecce d’argento” salirà sul trono. I favori del pronostico vanno a Lewis Hamilton, che gode di un vantaggio di 17 punti sul compagno di squadra Nico Rosberg.

Negli Emirati Arabi Uniti si disputerà l’ultimo atto del campionato 2014. La gara araba ha la sua dose di fascino, per la magia della struttura ospitante. In questa cornice, Pirelli porterà in pista gli pneumatici soft e supersoft: una scelta più “morbida” rispetto allo scorso anno, quando vennero scelte gomme medie e soft.

Leggi anche: Hamilton "Tutto può succedere, ad Abu Dhabi per vincere"

Yas Marina è un circuito che Pirelli conosce bene: qui, infatti, l’azienda ha effettuato parte dei suoi test privati prima di entrare in Formula Uno nel 2011. Inoltre, il circuito di Abu Dhabi è sede dei test ufficiali in-season, che ospiterà infatti il martedì e il mercoledì dopo il Gran Premio.

La pista è nota per il suo asfalto liscio, con tante curve a 90° e un rettilineo importante. L’altra caratteristica distintiva di questo Gran Premio è che, come in Bahrain, inizia nel tardo pomeriggio e si conclude in serata, il che significa che il tracciato tende a raffreddarsi con lo svolgersi della gara. Questo influisce anche sulle strategie.

Nel 2014 verranno assegnati doppi punti, quindi la posta in gioco diventa ancora più alta e le squadre saranno concentrate più che mai sulla strategia. Le condizioni atmosferiche tendono al caldo; la pista è adatta alle mescole supersoft e soft, le gomme più veloci della gamma Pirelli. Quindi la scelta sembra calibrata.

  • shares
  • Mail