F1: Hamilton "Tutto può succedere, ad Abu Dhabi per vincere"

L'inglese è ottimista per la battaglia finale per il titolo, ma non si fida: "Ho zero comfort per il mio vantaggio"

F1 Grand Prix of Brazil

Sale la tensione e l’attesa per la gara di Abu Dhabi, dove si deciderà il Mondiale 2014 di Formula 1: l’ultimo appuntamento della stagione vivrà sull’ennesimo e definitivo duello in casa Mercedes. Lewis Hamilton parte con 17 punti di vantaggio sul compagno di squadra Nico Rosberg e gli basterà un secondo posto per vincere il titolo, ma l’inglese non si fida: “Ho zero comfort per il mio vantaggio – ha spiegato – La prossima gara vale 50 punti, è la prima volta che accade in Formula 1 e non si sa mai cosa può succedere”.

Dunque, il pilota britannico non ha intenzione di fare calcoli, ma di affrontare il weekend con lo stesso spirito avuto nelle gare del resto della stagione: “Andrò ad Abu Dhabi per vincere”. E’ il grido di battaglia di Lewis, che ha ricordi dolci e amari quando si è giocato il Mondiale all’ultimo appuntamento, mostrando sempre un’elevata tensione ed una pericolosa tendenza a fare errori. Sono però passati diversi anni ed ora l’esperienza potrebbe permettere ad Hamilton di affrontare la gara con maggiore tranquillità e sicurezza.

Anche se, dopo un’annata praticamente perfetta, un errore è arrivato nell’ultima prova in Brasile e l’ha probabilmente condannato al secondo posto, dietro a Rosberg: “Non ho rimpianti. Sono sette punti persi, ma sono comunque arrivato secondo. E poi non ricordo di aver fatto altri errori in gara, nel corso della stagione”. La fiducia è giustamente elevata e la Mercedes ha mostrato una superiorità tale sulle rivali che, se non arrivano problemi di affidabilità, all’inglese basterà fare una gara di controllo, senza grandi rischi, per ottenere la corona iridata.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail