Il contenuto della lettera inviata da tre scuderie ad Ecclestone

Tre scuderie inviano una lettera ad Ecclestone e lo mettono di fronte a due evidenze: la loro fetta di torta è troppo piccola e le spese per acquistare le power unit sono troppo elevate.

2014_bernie_ecclestone

I responsabili delle scuderie Force India, Lotus e Sauber hanno inviato qualche tempo fa una lettera a Bernie Ecclestone, con la quale vogliono denunciare le difficoltà di natura economica e la sperequazione del metodo rispettato per la divisione degli incassi ottenuti dalle vendita dei diritti televisivi. Questa lettera doveva rimanere segreta ed è stata invece pubblicata sul sito di James Allen, noto giornalista inglese da sempre informato riguardo a tutti i retroscena del circus.

Le tre scuderie domandano ad Ecclestone un confronto durante la gara di Abu Dhabi e si lamentano per la distribuzione del Prize Fund, ovvero la quantità di denaro che al termine di ogni stagione viene assegnata alle scuderie. Il totale ammonta ad 835 milioni di dollari (668 milioni di euro). Ferrari, Red Bull, McLaren, Mercedes e Williams si spartiranno ben 412 milioni di dollari (330 milioni di euro), mentre ai team minori verrà assegnata una quota compresa fra 52 milioni e 64 milioni di dollari (41-51 milioni di euro). “Chiediamo a te ed agli azionisti di rendere più equo il sistema di distribuzione” è scritto nella missiva, utilizzata anche per criticare il meccanismo delle cosiddette super GP2.

Abbiamo notato con piacere che le nostre lamentele hanno fornito una base sulla quale costruire un dialogo produttivo – leggiamo sul sito di James Allen –. Tuttavia, dopo il GP del Brasile, abbiamo intuito che la Formula 1 si sta dirigendo verso monoposto clienti o super GP2. E’ chiaro che lo Strategy Group non ha alcuna intenzione di ridurre i costi”. Lo Strategy Group è l’organismo incaricato di stabilire le regole future della F1. Nella lettera è poi scritto che i team minori non hanno mai fornito il loro appoggio per introdurre le nuove power unit, e che il 70%/80% dei ricavi è assorbito dalle spese necessarie per assicurarsi la loro fornitura.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail