GP Abu Dhabi F1 2014: la gara di Yas Marina nel bilancio Pirelli

Anche la stagione 2014 è andata in archivio. Sulla pista di Yas Marina si è chiuso l’ultimo atto di questo campionato del mondo di F1. Ecco il bilancio Pirelli.

hamilton

Il GP Abu Dhabi F1 2014 ha confermato il dominio della Mercedes, che chiude la stagione con un doppio successo iridato. Se il titolo costruttori era già definito da tempo, qualche incertezza, fino al termine, c’era per quello piloti, con una minima dose di speranza per Nico Rosberg, costretto però ad arrendersi alla supremazia di Lewis Hamilton.

L’asso di Stevenage, che godeva dei favori del pronostico, grazie ai 17 punti di vantaggio prima dello start della sfida di Yas Marina, non ha mancato l’obiettivo iridato, guadagnando il secondo alloro della sua carriera, dopo quello messo all’incasso nel 2008.

GP Abu Dhabi F1 2014: foto più belle della gara e classifiche

Il nuovo campione del mondo ha effettuato una strategia a due soste nella gara di Abu Dhabi: partito con gli pneumatici P Zero Red supersoft dalla seconda posizione in griglia, è poi passato in testa alle danze, prima di completare due stint con gli pneumatici P Zero Yellow soft.

Con la sedicesima vittoria di questa stagione, Mercedes ha battuto il record assoluto di 15 vittorie detenuto da Ferrari e McLaren. Hamilton è diventato anche il primo pilota Mercedes campione del mondo dopo Juan Manuel Fangio. L’inglese è salito ben 11 volte sul primo gradino del podio quest’anno.

Nella parte conclusiva della gara, il primo posto di Hamilton è stato “minacciato” da Felipe Massa, che ha usato una differente strategia a due soste. Il pilota della Williams, partito con le supersoft dal quarto posto in griglia, è poi passato alle soft ed ha, infine, corso gli ultimi 13 giri ancora con le supersoft, più veloci di circa un secondo rispetto alle soft. Questo ha permesso al brasiliano di chiudere la gara a meno di tre secondi da Hamilton. Il suo compagno di squadra, Valtteri Bottas, ha completato il podio, utilizzando una strategia supersoft-soft-soft.

Paul Hembery, direttore motorsport Pirelli, si congeda così dalla stagione 2014: “Faccio le mie congratulazioni a Lewis Hamilton per la conquista del titolo, e anche a Nico Rosberg, che è stato un fantastico antagonista per tutto l’anno. Gli pneumatici si sono comportati come ci aspettavamo. Ora è tempo di guardare al 2015, con alcune nostre novità”.

  • shares
  • Mail