Bernie Ecclestone vede Lewis Hamilton come campione 2015

Il Campionato del Mondo F1 2014 si avvicina all'orizzonte. Ancora mancano parecchie settimane al via delle danze, ma Ecclestone si lancia già in un pronostico.

lewis_hamilton_mercedes

Bernie Ecclestone crede che quest'anno Lewis Hamilton vincerà il terzo titolo iridato della carriera, forte delle sue doti di guida e delle qualità delle Mercedes, che si è espressa con marcata supremazia nel 2014.

Ricordiamo che la stagione 2015 prenderà le mosse il 15 marzo sul circuito di Albert Park di Melbourne, in Australia, dove nelle ultime quattro edizioni hanno vinto Vettel (2011), Button (2012), Raikkonen (2013) e Rosberg (2014). Questa volta potrebbe toccare ad Hamilton, ma a prescindere da quanto riuscirà a fare l'asso di Stevenage in quella splendida regione del mondo, per Ecclestone ci sono buone possibilità che lui si riconfermi al vertice della categoria, vincendo un nuovo titolo mondiale.

Secondo il boss del Circus, il fatto che l'impianto normativo sia rimasto stabile non lascia ipotizzare una Mercedes incapace di giocarsela al meglio, dopo il marcato dominio del 2014. Ecco le sue parole su Sky Sport: “Penso che la gloria andrà ancora alla scuderia della stella, con il titolo piloti ancora per Lewis. In Mercedes hanno fatto un ottimo lavoro, scavando un buon margine di vantaggio sugli inseguitori. Non credo che in costanza di regolamento ci possano essere recuperi velocissimi e clamorosi da parte degli avversari”.

Hamilton, pronto un contratto d’oro dalla Mercedes

Il ragionamento ha una perfetta coerenza sul piano della logica, ma in Formula 1, qualche volta, gli scenari cambiano, anche contro ogni evidenza, quindi preferisco non sbilanciarmi al momento. Voglio solo ricordare la storia, unica cosa certa: l'anno scorso, con il successo nel GP Abu Dhabi F1, si è laureato campione del mondo per la seconda volta nella sua carriera.

L’asso di Stevenage si è imposto nella sfida di Yas Marina del 2014, in una giornata andata in modo decisamente storto per l’unico rivale nella corsa iridata: il compagno di squadra Nico Rosberg, che partiva comunque in ritardo di 17 punti nei suoi confronti. A meno di improbabili sorprese, anche con il doppio punteggio assegnato nella gara conclusiva, era lecito aspettarsi questo esito. Come andrà nel 2015?

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail