F1, Renault resta nel Circus con un proprio team

renault

Dopo una lunga fase di riflessione, Renault ha deciso di non lasciare la Formula 1. La conferma è giunta questa mattina dai vertici della casa francese, che hanno assicurato l'impegno anche per il futuro prossimo, portando in gara un team con il proprio nome, la propria identità e gli ingredienti fondamentali che hanno condotto ai successi del 2005 e 2006. Proseguirà anche la fornitura di motori alla Red Bull.

Gli uomini della Régie hanno inoltre annunciato di aver ceduto una considerevole quota del team alla compagnia lussemburghese Genii Capital, controllata da Gerard Lopez e specializzata in nuove tecnologie. Ecco cosa recita la nota ufficiale a tal proposito: "I due partner opereranno insieme. La lettera di intenti sottoscritta crea le premesse per una fruttuosa collaborazione".

Più esplicite le parole di Bernard Rey, presidente di Renault F1 Team:"Sono molto lieto di accogliere Genii Capital come nuovo partner strategico e sono sicuro che il suo entusiasmo e la competenza della squadra costituiranno un binomio vincente. Ci auguriamo di poter competere ai massimi livelli. L'annuncio odierno conferma il nostro impegno e la fiducia negli organi che gestiscono la disciplina, nell'ottica del suo miglioramento".

Dopo 35 anni in questo sport, la casa francese annuncia quindi una nuova fase in quello che rimane uno degli spettacoli sportivi più grandi in termini di pubblico televisivo e di esposizione mediatica, con favorevoli riscontri sul piano dell'immagine, specie in funzione degli obiettivi di crescita che il gruppo dirigente intende realizzare nei mercati emergenti.

Nel prendere la decisione, Renault ha confermato il suo impegno verso i fans, i dipendenti di Enstone e di Viry, la Fia, la Foa e la Fota, ma anche la volontà di promuovere tecnologie in sinergia con il piano di prodotto: "Con l'evoluzione dei regolamenti della F1, saremo in grado di offrire più spettacolo al pubblico e di vivere un quadro più snello ed efficiente. Mostreremo l'abilità di Renault sia nello sviluppo di bolidi ad alte prestazioni che di auto a basso consumo. Una cartina di tornasole della nostra versatilità".

Le misure di riduzione dei costi, rese possibili dal lavoro collettivo svolto dall'associazione dei costruttori hanno già migliorato in modo significativo la struttura degli oneri operativi. Con la vendita di una quota azionaria, il team francese raggiunge un altro risultato, nell'ottica della sostenibilità finanziaria dell'intervento nel Circus e della capacità di raggiungere i vertici prestazionali.

(Grazie aspirina455)

Via | F1fanatic.co.uk

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: