Mercedes, Wolff: Red Bull smetta di piangere

il manager austriaco rispedisce al mittente le accuse di Helmut Marko e stuzzica Red Bull: "Devono solo abbasare la testa e risolvere i problemi".

toto_wolff_2015

Il duro j’accuse formulato da Helmut Marko è stato accolto da Mercedes con una punta di risentimento, se è vero che il team principal delle Frecce d’Argento ha invitato gli avversari a non piangere ed a lavorare sodo per colmare il divario.

Trovo assurdo stare in Formula 1 e chiedere il livellamento di prestazioni piangendo già dopo la prima gara. Noi non ci siamo comportati così negli anni passati – la caustica riflessione di Toto Wolff –. Dovrebbero solo pensare ad abbassare la loro fottuta testa ed a cercare di risolvere la situazione”. Il manager austriaco ritiene che la questione sia strettamente politica (“Era così l’anno scorso ed è così anche quest’anno”), domandandosi poi se non sia opportuno recarsi davanti al Muro del Pianto.

C’è questo muro a Gerusalemme dove puoi starci di fronte e lamentarti. Probabilmente dovrei andarci”. Wolff termina il suo sfogo con un’analisi sulla situazione di Ferrari. “E’ solo una questione di tempo – il suo pensiero –. Ferrari ha tutto: le risorse, le persone adatte, i piloti. Abbiamo corso solo la prima gara di una stagione lunga 20 tappe. Vediamo cosa succederà in Malesia”.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail