Scuderia Ferrari

Scuderia Ferrari


Ferrari - Raccontare le gesta della Scuderia Ferrari equivale a narrare una porzione consistente di automobilismo mondiale. Il team di Maranello è infatti il più titolato, blasonato, tifato, sognato dell’intero circus, il più ricco, quello per cui hanno corso decine di piloti leggendari: è impossibile non citare autorità del calibro di Juan Manuel Fangio, Alberto Ascari, Phil Hill, John Surtees, Niki Lauda, Gilles Villeneuve, Jody Scheckter, Kimi Raikkonen e Michael Schumacher, tutti laureatisi campioni del mondo. Ferrari ha disputato in Formula 1 un totale di 889 gran premi – dato riferito a fine 2014 –, vincendone 221. Si è aggiudicata 16 titoli costruttori e 15 titoli piloti, oltre al record in pressoché tutti i rilevamenti: maggior numero di podi (675), maggior numero di doppiette (81), maggior numero di pole (206), maggior numero di punti conquistati (5.500,5).

Ferrari ha inoltre conquistato almeno una vittoria a stagione dal 1994 al 2013, dato a testimonianza dell’assoluta continuità di risultati. Il suo periodo di maggior splendore risale certamente alla gestione Jean Todt. Nel 1999 Eddie Irvine giunge a sole due lunghezze da Mika Hakkinen. Dalla stagione seguente ha inizio il periodo d’oro, che porta il ‘kaiser’ Schumacher a vincere cinque titoli di fila ed aumentare considerevolmente il proprio bottino in termini di GP vinti: il tedesco, nel suo periodo in rosso, disputa 170 gran premi e conquista 72 affermazioni. Il Cavallino resta a bocca asciutta fino al 2007, quando Kimi Raikkonen non lo riporta a guardare tutti dall’alto: il finlandese disputa un finale di stagione in crescendo e precede di una sola lunghezza Lewis Hamilton e Fernando Alonso, che dalla stagione 2010 verrà ingaggiato proprio in sostituzione di ‘Ice Man’.

I primi capitoli del libro Ferrari vengono scritti a partire dagli anni ’60, quando in dodici anni – dal 1952 al 1964 – la sala trofei di Maranello accoglie i titoli di Alberto Ascari (2), Juan Manuel Fangio, Mike Hawthorn, Phill Hill e John Surtees. Il Cavallino vivrà una fase di relativo appannamento fino al 1975. In tre anni Niki Lauda si aggiudica però due campionati, ed il sodalizio con Clay Regazzoni, Carlos Reutemann e Gilles Villeneuve produce addirittura tre titoli costruttori consecutivi. Gli anni ’80 non sono fortunatissimi, ma vengono comunque conditi dai titoli costruttori del 1982 e 1983. I tifosi di rosso vestiti dovranno poi attendere sedici lunghi stagioni prima di tornare nuovamente ad esultare. Tutte le novità e le anticipazioni dalla Scuderia Ferrari.

Il palmares
Titoli piloti: Ascari 1952, Ascari 1953, Fangio 1956, Hawthorn 1958, P.Hill 1961, Surtees 1964, Lauda 1975, Lauda 1977, Scheckter 1979, M.Schumacher 2000, M.Schumacher 2001, M.Schumacher 2002, M.Schumacher 2003, M.Schumacher 2004, Raikkonen 2007
Titoli Costruttori: 1961, 1964, 1975, 1976, 1977, 1979, 1982, 1983, 1999, 2000, 2001, 2002, 2003, 2004, 2007, 2008

I risultati degli ultimi 10 anni:
2014 4° posto, 216 punti
2013 3° posto, 354 punti
2012 2° posto, 400 punti
2011 3° posto, 375 punti
2010 2° posto, 396 punti
2009 4° posto, 70 punti
2008 1° posto, 172 punti
2007 1° posto, 204 punti
2006 2° posto, 201 punti
2005 3° posto, 100 punti

I piloti 2015
Sebastian Vettel
Kimi Raikkonen

Ferrari SF15-T
La monoposto per il 2015 di Maranello è stata presentata il 30 gennaio ed avrà il compito di riscattare la disastrosa stagione 2014, dove la rossa non è riuscita a salire sul gradino più alto del podio in nessuna gara, dopo 20 anni di successi almeno parziali. A livello tecnico, troviamo il musetto ribassato, aerodinamica posteriore modificata e radiatori dall'impostazione inedita.

La Ferrari sui social network
I link ai profili Facebook e Twitter. Qui il link al sito ufficiale.

Archivi

Archivi per mese

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2008

2007

2006

2005